fbpx

La manipolazione al tempo del covid 19

Negli ultimi tempi, la grave crisi mondiale scaturita dalla pandemia di Covid-19, ha portato verso una continua manipolazione delle masse, rendendo la vita piena di incognite.

Fake News, complottisti da tastiera, comunicati, bollettini televisivi puntuali come un orologio Svizzero, opinioni altisonanti tra esperti che ne hanno fatto, delle loro conoscenze, la vera professione di una vita ed “esperti” dell’ultima ora, che pur di avere un quarto d’ora di notorietà, proferiscono teorie catastrofiche senza alcun tipo di solida base scientifico-medica come fondamento.

Quella che stiamo vivendo, non è solo una pandemia virologica bensì una vera e propria manipolazione mentale fomentata, a più riprese quotidiane, dai media e da chi, della disinformazione, ne fa quasi un mestiere a tutti gli effetti.
Con il totale inglobamento delle realtà social nella vita di tutti, è abbastanza facile cadere nel tranello anzi, nel vortice della manipolazione che sia politica o informativa. Questo, non fa altro che attuare un comportamento pari all’isteria di massa, una silenziosa accetazione di ciò che ci viene proposto. Il potere della manipolazione colpisce, prettamente, sull’aspetto psicologico dell’individuo che si affida, in toto, alle informazioni h24, 7 giorni su 7 alle quali viene esposto.
A farne le spese di questo “bombardamento” sinaptico, non è solo il singolo cittadino ma – soprattutto – le piccole, medio o grandi aziende che, da quasi due mesi, hanno visto la propria produzione subire una tremenda battuta di arresto per cause di forza maggiore.

E tu, che sei a capo di una piccola azienda o start up che, invece, hai iniziato a muovere i primi passi, a gettare le proprie future e solide fondamenta proprio all’inizio di questa grave crisi?

Sopravvivere, ai tempi del Covid-19, non è solo un imperativo biologico bensì – specialmente – economico. La vendita di qualsivoglia prodotto (che sia un bene primario o secondario) ne ha risentito largamente: basti pensare che colossi dell’e-commerce (di cui non è necessario neanche citare il nome o brand che sia), hanno dovuto ridurre drasticamente la loro attività nonché disponibilità in/di quel mare magnum del proprio catalogo online.

Allora. come riuscire a sopravvivere tra divieti, decreti, incertezze sul proprio futuro esistenziale e socioeconomico? Prima di darti qualche dritta in merito, ti suggerisco il mio libro Le parole sono un virus, in uscita alla fine di Maggio.
Tornando a quanto detto sopra bisognerebbe, in prima istanza, che tu imparassi a difenderti dalle tecniche di manipolazione mentale stabilendo, creando delle apposite tecniche personali per contrastare questo mefistofelico fenomeno che colpisce, in primis, la tua mente e, in secundis, la tua economia.

Per difendersi da tale violenza psicologica è necessario, in prima istanza, che tu sia capace di riflettere, proprio come uno specchio, gli schemi comportamentali di chi fornisce o perpetua una subdola manipolazione verso l’altro da sé. Successivamente, impara ad ascoltare te stesso: l’istinto, il cosiddetto “Sesto senso” che ognuno di noi dice di possedere, è un buon campanello d’allarme che ci porta a riflettere che, ciò che abbiamo di fronte, puzza di bruciato. Impara ad ascoltare le tue emozioni e le sensazioni che ti trasmettono.

Il terzo step che ti aspetta è quello di imparare ad ascoltare e analizzare i tuoi pensieri: in questo, la meditazione può aiutarti e non poco. Con pochi e semplici accorgimenti, dovresti essere in grado di creare una piccola routine quotidiana, durante la quale riesci a concederti cinque minuti dedicati all’autoriflessione su te stesso. 

Se riesci a entrare nel giusto mood meditativo, ben presto si farà strada il quarto step di questa strategia antimanipolazione, ossia quello di vedere ogni cosa da una prospettiva differente: prova a vedere la situazione con gli occhi di una terza persona, di un agente esterno alla faccenda. Ebbene, stai notando che c’è qualcosa che non va? Questo esperimento, non fa altro che fornirti ulteriori prove che la persona che hai di fronte ti stava manipolando ad hoc.

Ultimo e più cruciale passo da fare, è quello relativo all’accettazione dello sbaglio. Ricorda, errare humanum est. Se ti capaciti che sei stato manipolato senza neanche troppe difficoltà, accetta l’errore e vai avanti. Non commiserarti né recriminarti l’errore. Semmai, cerca di trarne un insegnamento profondo e fondamentale, in modo tale da non farti ingannare nuovamente.

Ora che hai gli strumenti per reagire alla manipolazione mentale, ti senti pronto per affrontare il mondo con più energie e voglia di ricominciare? Se questi “requisiti” sono entrambi positivi, significa che sei venuto a capo della soluzione e che, la paura di ripartire da zero o di riprendere i fili del discorso da dove sono stati interrotti, non è più così vibrante. Significa che sei riuscito a stabilire e mettere in atto un vero e proprio controcondizionamento verso questa becere tattica che va sotto il nome di manipolazione.

Non appena ci sarà il via libera da parte di chi, in queste settimane, sta gestendo la gravissima crisi legata al Coronavirus, la tua neonata azienda, la tua start up piena di ideali e sogni, deve ripartire. Come? Investendo tempo ed energie in ciò che fai e in quelli che sono i tuoi obiettivi prefissati e che, a maggior ragione, vuoi raggiungere. Dopo aver stabilito il metodo di difesa, è il momento di capire come vendere un prodotto: segui i trend del momento, l’evoluzione delle richieste da parte degli acquirenti nel futuro post pandemia. Sii attento, rapido nel captare i mutamenti socioantropologici e commerciali che, questo triste incubo a occhi aperti, ha portato con sé e che, purtroppo, lascerà per un bel pò.

Armando De Nigris

Visionario, Imprenditore, autore best seller, Master in PNL. Appassionato di Ipnosi Eriksoniana, Neuroscienza e di Comunicazione persuasiva.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *