fbpx

Cena di lavoro: come ottenere il massimo da un incontro

organizzare cena lavoro divertimento unione socializzare team building

Invitare clienti o potenziali partner a cena è sempre una buona mossa. E non è folclore da Belpaese

Mangiare insieme aiuta a tessere o mantenere buone relazioni.

È segno di rispetto e di accoglienza: insomma, caro cliente o potenziale tale, ho una reale stima per te e il tuo business, e desidero approfondire la conoscenza o il progetto in modo schietto ed informale.
E magari concludere rapidamente, per il miglior successo di entrambi. Per molti stranieri infatti, ricordiamocelo, parlare di business a tavola è un modo per risparmiare tempo.

strategia organizzare cena per produttività maggiore in team

Cena: relax e schiettezza

Arrivate preparati, ma lasciate a casa l’elmetto da battaglia. Un incontro di lavoro a tavola è universalmente considerato un momento prezioso per gli affari. Abbiamo accennato che è sempre indice di stima e rispetto e offre a ogni invitato l’occasione per approfondire la conoscenza dei commensali e anche del o dei progetti di business.

Quando si tratta di affari, non poniamoci limiti: approfondiamo, allarghiamo conoscenze e possibilità in modo da farne delle opportunità. Davvero da cosa nasce cosa e un progetto può riservare opzioni migliori.

location conversazione stile abbigliamento business is business

Consigli pratici per organizzare una cena di lavoro

Se stiamo pensando a una cena o un pranzo di lavoro ricordiamo che i nostri invitati vanno trattati con rispetto, anche solo perché non sappiamo quali potenzialità possono riservare.

Location Raffinata, ma non troppo. Attenzione, a meno di scelte od occasioniprecise, una cena o un pranzo di lavoro sono organizzati per mettere a proprio agio i commensali e favorire la conversazione. Scegliamo quindi location o locali raffinati, ma non troppo eleganti.

L’invito – Questo sconosciuto. Uno stile eccessivamente informale può spesso cadere nella sciatteria. Non lasciamo insomma le cose al caso o alla sola telefonata preliminare. Facciamo sempre seguire un invito cartaceo.

Stile e Abbigliamento. Non serve ricordare che il motivo dell’incontro è il business: è vero che si è a tavola, magari in luogo abbastanza informale, ma molti degli argomenti di cui parleremo sono gli stessi che tratteremmo in ufficio. Quindi anche lo stile dell’incontro –idem se lo facciamo organizzare da una società specializzata– e dell’abbigliamento sarà sempre sobrio.

Conversazione – business is business. Godiamoci il momento e il buon cibo e aiutiamo gli invitati a fare altrettanto, ma arriviamo con idee e domande chiare e con la voglia di approfondire. Non quindi dimentichiamo il motivo che muove l’occasione conviviale e allarghiamo il ventaglio di argomenti. Un incontro di lavoro deve aiutare a conoscere il partner o i partner commerciali: no quindi alla curiosità, sì all’interesse, per non intavolare inutili conversazioni da stadio.

Armando De Nigris

Visionario, Imprenditore, autore best seller, Master in PNL. Appassionato di Ipnosi Eriksoniana, Neuroscienza e di Comunicazione persuasiva.

0 commenti